• benedettacosmi

Al museo di notte

Hugo, «Chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione».

E chi chiude le discoteche e apre h24 la mostra di Raffaello alle Scuderie del Quirinale crea un precedente senza eguali interessantissimo.

Soprattutto se si pensa che si è registrato il sold out e che sono andati a ruba i biglietti per le 4 di notte o di mattina, come preferiamo.

Oggi ne parlavo in un'intervista e il conduttore mi ha fatto soffermare sulla percezione diffusa. Nessuno avrebbe scommesso che un cittadino romano sarebbe andato al museo a quell'ora.


E figurarsi se ci fossero i turisti. Ricordiamocelo per favore.


È uno dei miei temi più battuti. E sicuramente tra le parole del bene comune non può mancare. Che ne dite?


Le gite di istruzione, le serate speciali anche all'asta e a prezzi vertiginosi per chi può permetterselo (perchè tanto vale indurli a vivere esperienze uniche, come i loro portafogli possono concedersi), rimpolpando le casse pubbliche che così - parallelamente - sapranno tenere sotto controllo il debito e rilanciare in cultura per tutti.

Non dobbiamo spaventarci se la cultura è un'industria.









5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il bene comune non sa essere part time

Di Benedetta Cosmi Abbiamo bisogno di staccare. Una volta mi disse il direttore del Corriere della sera, Luciano Fontana: "vado a Praga due giorni a Ferragosto" sottintendendo giusto i due giorni in c