• benedettacosmi

I giovani, l'Italia e il potere

Fino a quando i settori produttivi, economici e culturali che hanno assorbito le classi dirigenti delle generazioni precedenti risulteranno poco accessibili per ragioni di tagli, risparmi, chiusure, cessazioni, disinvestimento, egoismo, e contemporaneamente non si aprono nuovi settori, per miopia, lentezza, provincialismo, non c'è potere.《Dal Recovery Fund più potere ai giovani》è un obiettivo o un mezzo?

Le parole del bene comune di questa settimana commentano

"Il cambiamento si avrà solo se ai giovani trasferiamo potere. Tre modi: combattere la povertà educativa con risorse massicce, un'eredità universale di 15k euro ciascuno, trasformare il rinnovamento generazionale della PA in una strategia." @fabriziobarca su @fattoquotidiano


E all'incontro @ASviSItalia @DD_Forum su come affrontare la crisi generazionale


@AleRosina68 "le nuove generazioni, se messe in condizione sono le prime a cogliere le opportunità di cambiamento, altrimenti sono le prime a patirne gli effetti".


Quando io e Rosina ne scrivevamo insieme nel 2010 si doveva dare spazio ai giovani per frenare lo schianto delle nostre aziende meno avvezze al cambiamento e per non contare la discarica di forza lavoro di talento.


Adesso no, non si tratta più di giovani e di generazioni. Certo giovani donne madri è l'emblema italiano delle difficoltà a farcela a parità di merito.


La tenacia senza qualità si fa spazio. In politica, in azienda. E il costo sociale è pubblico. Cosa possiamo fare? Temere meno il potere che è potere di, potere per.





11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il bene comune non sa essere part time

Di Benedetta Cosmi Abbiamo bisogno di staccare. Una volta mi disse il direttore del Corriere della sera, Luciano Fontana: "vado a Praga due giorni a Ferragosto" sottintendendo giusto i due giorni in c