top of page

Saper fare la differenza


di Benedetta Cosmi

C'è chi riesce a capire che il successo si deve misurare nei termini in cui il soggetto aiuta la società a cambiare e non come la società cambiata aiuta un soggetto a emergere. Ed è chi si occupa del Bene comune.

Mentre gli altri utilizzano il terzo settore, la beneficenza, i temi etici, l'involucro buonista, l'economia che deriva dalle buone azioni (di altri), e succede in tutti gli ambiti guardate bene, dalla scuola dove ora sembrano tutti voler lucrare, ai pandori ma tralascio, ai CDA delle aziende, alle fondazioni.

Sono esplosi i corsi per docenti, le lezioni di educazione civica per decine di centinaia di studenti immobilizzati a seguire a distanza o sentire in presenza, e le campagne degli influencer che ricorrono sempre a cause per qualche ospedale ecc ecc.

Penso che significhi che di fondo siamo una buona società in cui i cittadini non chiedono più al potente di turno il favore per sé ma di agire sui contesti.

Certo le scorciatoie regnano ancora sovrane e così chi può la intraprende come strada per seguire i medesimi obiettivi di prima scoprendone talora risultati di tornaconto maggiori.

E quindi vincono ancora loro?

No, noi sappiamo la differenza.


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page