• Paola Badiale

Sfogo la rabbia e mi libero. Bello chiama Bello

L'idea è di non reprimere la rabbia e di non accumularla nel corpo.

Quando sentiamo la rabbia l'idea è di sentirla, dialogare con lei, integrarla per poi lasciarla andare.

Possiamo anche sfogarla in modo positivo una volta che l'abbiamo compresa e forse a quel punto non è nemmeno più necessario.

A volte può essere utile allentare le tensioni fisiche accumulate nel corpo e collegate all'emozione. Allora puoi urlare, andare a correre o fare una attività fisica.

Non è di alcun aiuto riversarla su altri, o sfogarla in modo distruttivo per noi stessi.

La rabbia è un'emozione e come tale è li per portarci un messaggio.

A noi ascoltarlo e integrarlo.


Paola Badiale

Life Transformational Coach

www.paolabadiale.it

Facebook: La vita che vuoi tu


#pensieripositivi #bellochiamabello #lavitachevuoitu #cambiamento




1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il bene comune non sa essere part time

Di Benedetta Cosmi Abbiamo bisogno di staccare. Una volta mi disse il direttore del Corriere della sera, Luciano Fontana: "vado a Praga due giorni a Ferragosto" sottintendendo giusto i due giorni in c