top of page

Giulia Lamarca Influencer Positiva

Carissimi lettori positivi,

martedì scorso ci siamo lasciati con un consiglio di viaggio particolarmente positivo per chiunque avesse intenzione di visitare Lisbona. Mi sono divertita a calarmi nei panni di una travel blogger per voi ma oggi, torno nei miei panni da scrittrice positiva, e lascio spazio a una professionista.

Lei è Giulia Lamarca e per permettervi di catturare tutta la sua essenza in un solo istante ho deciso di presentarvela attraverso un’accurata descrizione del Corriere della Sera: “Giulia Lamarca non è semplicemente una travel blogger, è un'influencer della positività. La sua storia è una favola moderna».



La figura dell’influencer è una figura professionale ormai nota che, nonostante possa avere effetti molto positivi sul mondo del marketing e su quello reale, tende spesso ad omologarsi ad altre figure già abbondantemente presenti sul mercato non riuscendo a spiccare rispetto ad esse.

Questo non è però il caso di Giulia che a soli 19 anni perse l’uso delle gambe a causa di un incidente ma che tuttavia, proprio quando pensava di aver perso tutto, grazie anche all’aiuto del fisioterapista ed attuale fidanzato Andrea riuscì a ritrovare la forza per amare sé stessa e splendere di luce propria. Quasi per gioco Giulia e Andrea decidono ,ad un certo punto del loro percorso , di trascorrere un Capodanno in Australia ed è lì che la carrozzina cessa di essere per lei un limite come inconsciamente era stata forzata a pensare.

Durante questa avventura Giulia si rende metaforicamente , ma anche pragmaticamente, conto che il vero fallimento non è cadere ma rimanere fermi al punto in cui si è caduti per il resto della propria vita e così decide di dare una svolta alla sua. E lo fa nel modo più positivo possibile: continua a viaggiare insieme ad Andrea fino a farlo diventare la sua professione. All'aeroporto di Parigi decidono di sposarsi, percorrono poi la muraglia cinese e dopo molti viaggi insieme nasce una bellissima bambina di nome Sophie che crescendo in una famiglia così intraprendente e positiva fa già i suoi primi passi per Tokyo spingendo la sua mamma e ogni tanto , guardando il mondo con gli occhi innocenti e puri di una bambina che non conosce limiti, gioca a pallone proprio con lei.



Giulia ha fatto delle sue sfide, delle sue cadute e dei suoi successivi straordinari successi la sua arma vincente in quella che era la sua lotta personale. Ma la positività che è riuscita a creare intorno a sé è così grande che non conosce limiti. Ha dunque trasformato la sua lotta personale in una lotta collettiva , si è schierata in prima fila nella battaglia per l'inclusione che è un valore enorme per lei ma che dovrebbe esserlo per tutti.

Nel 2021 oltre ad aver dato la vita a Sophie l’ha data anche al suo libro “Prometto che ti darò il mondo” che mostra le due facce della medaglia: quella negativa fatta di ostacoli di cui lei stessa si fa testimone come prenotare un semplice biglietto aereo che per un disabile tanto semplice non è ; e quella positiva costituita dal superamento di tali ostacoli che porta con sé una morale per tutti noi. Se è riuscita a superare questi limiti è perché si è spogliata dall’idea che questi potessero sabotarla. I limiti sono tali nella misura in cui li imponiamo a noi stessi. È così che il suo libro si configura come una presa di coscienza per il lettore che viene spinto a far fronte alle proprie paure e uscire dalla propria zona di comfort così da potersi godere la vita in tutta la sua complessità ma anche e soprattutto in tutta la sua bellezza.

Un libro che si adatta perfettamente alla causa di The Bright Side : la necessità di circondarci almeno al 50%, ma assolutamente non meno, di notizie positive indispensabili per accrescere il nostro benessere mentale.




A cura di Ecaterina Timis, Tirocinante Insubria

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Arianna

bottom of page