top of page

Margherita Campanelli

“Ho dimostrato di potercela fare e, come me, potrebbero farcela tanti altri ragazzi se troveranno chi crederà in loro e sosterrà il loro cammino"

Margherita Campanelli si è laureata pochi giorni fa in pedagogia all’università di Macerata con 110. Una laurea conquistata con impegno e sacrificio, perché Margherita già lavora come educatrice, fa volontariato come clown di corsia, vive in un’altra città quindi fa la pendolare e conciliare gli impegni di lavoro con la frequenza universitaria non è sempre semplice. Però lei è sempre stata determinata e concentrata sui suoi obiettivi. E ha avuto la fortuna di incontrare adulti che hanno creduto in lei. Cosa che non capita sempre, purtroppo. Perché molte volte, purtroppo, le scuole e le università non sono pronte ad accogliere studenti come Margherita, con la sindrome di Down. Per questo le sue parole sono preziose:

“Io suggerisco a tutti di intraprendere il percorso universitario e vorrei dire agli insegnanti della scuola superiore che dovrebbero consentire a un numero maggiore di ragazzi con deficit cognitivo, di conseguire il diploma, che rappresenta l'unico strumento indispensabile per affrontare il percorso universitario”.

Perché un’istituzione educativa veramente inclusiva è quella che consenta a tutti i suoi allievi di arrivare ai livelli più alti, senza pregiudizi.

E una scuola che funziona è una scuola che accoglie, non umilia, e crede nei suoi studenti.

A cura de "🦋La farfalla della gentilezza🦋"


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'incompetenza è «sostenibile»? Perché si parla sempre più spesso di «sostenibilità». E chiaramente in primis ci si riferisce alla transizione ecologica. Ma l'incompetenza della leadership e del capit

bottom of page