La parola è accoglienza

Aggiornamento: 2 apr


Molte scuole italiane stanno accogliendo bambini o ragazzi ucraini. Abbiamo visto alcuni filmati in cui i bimbi erano accolti con cerimonie da tutta la scuola tra gli applausi e momenti di festa. Noi pensiamo all’imbarazzo che possono aver provato quei bambini. La nostra momentaneamente non ha avuto l’occasione di accoglierne, ma, se dovesse succedere, suggeriamo un’accoglienza più discreta.

Abbiamo già avuto esperienza con un nostro compagno proveniente dall’Albania, che inizialmente sapeva poche parole in italiano, ma con il passare del tempo sta imparando. Questa esperienza ci aiuterà ad essere persone accoglienti. All’inizio per parlare con il nostro compagno abbiamo utilizzato dei traduttori digitali, disponibili gratuitamente sul web, i gesti e le espressioni del viso, i disegni e le immagini. Abbiamo imparato che i bambini ucraini parlano in ucraino, una lingua simile al russo, ma non identica e che si scrive con caratteri diversi da quelli italiani, l’alfabeto cirillico. Questo vuol dire che all’inizio i bambini che non sanno l’italiano faranno fatica a leggere. Alcuni di loro però potrebbero sapere l’inglese. Questo potrebbe aiutare.

Ci siamo informati anche sul sistema scolastico ucraino. I bambini possono andare alla scuola dell’infanzia dai due ai sei anni. I bambini con disabilità anche fino a sette anni. Il ciclo primario è di 9 anni, 5 di elementari e 4 di medie. Questi 9 anni sono obbligatori. Le superiori durano due anni, i licei tre anni. Gli ucraini possono andare all’università prima di noi.

Abbiamo selezionato in base ai nostri interessi le domande e le frasi che ci potrebbero aiutare a parlare un po’ con loro durante i primi giorni in cui vengono ospitati. Per favorire la risposta, consigliamo di usare le immagini.


ITALIANO UCRAINO (pronuncia

Ciao priviet buongiorno dobroho ranku come stai? Yak spravyBene Male dobre/pohano Come ti senti? Yak ti sebe pochuvayesh?

Felice shchaslyviy Triste Sumno Arrabbiato serdyti Tranquillo spokiyniy

Preoccupato STURBOVANIY come ti chiami? Yak tebe zvaty quanti anni hai? skilʹky tobi rokiv?


di Lorenzo Perchinelli e Santiano Azizi della 1B dell'Ic Moro di Solbiate Olona.


Il link a questo e altri articoli del nostro giornale scolastico clicca qui



47 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti